Camminare sul confine fra scienza e magia

Share Button

Da Oggiscienza, 10 gennaio 2018

Daphne è in un momento critico della sua vita e l’eredità di una nonna dimenticata – una grande villa nella campagna francese – sembra essere l’occasione per prendersi una pausa da una quotidianità ormai diventata soffocante. Decide quindi di lasciare il suo compagno e la sua attività di ricercatrice per andare a insegnare nella scuola del paesino vicino al quale sorge la villa, in cerca di un qualcosa che è andato perso.

Questa è la premessa di Along the edge, un videogioco per PC, Mac e Linux pubblicato nell’ottobre del 2016 da Nova-box, una piccola agenzia francese specializzata in videogiochi narrativi. Si tratta di un graphic novel interattivo che si sviluppa attraverso una serie di immagini fisse, nelle quali si alternano scenari e paesaggi a momenti di dialogo, nei quali lo schermo viene diviso in due e mostra i personaggi coinvolti. In entrambi i casi, soprattutto nei dialoghi, il giocatore potrà scegliere in che modo Daphne reagirà agli atteggiamenti e alle stranezze che incontrerà nel nuovo, piccolo mondo nel quale è andata a ritrovare sé stessa.

Ogni scelta rientra all’interno di un sistema basato su quattro elementi cardinali, ciascuno rappresentante un archetipo di personalità. Man mano che il gioco procede, le decisioni prese dal giocatore si ripartiranno fra questi archetipi e condizioneranno l’evoluzione della personalità di Daphne, che si rifletterà sia nel suo aspetto fisico sia nei rapporti con gli altri personaggi.

Due sono gli assi su cui gli sviluppatori hanno costruito questa bussola caratteriale. Uno, rappresentato dal Sole e dalla Luna, indica il modo – pacato o aggressivo – in cui Daphne si relaziona agli altri personaggi. L’altro, caratterizzato dal Mondo e dalla Stella, descrive il suo approccio alla particolare situazione che incontra nel paese in cui si è trasferita.

E qui entra in gioco la componente principale della trama di Along the edge.

Daphne è una dottoranda in matematica e il mistero che si ritrova ad affrontare riguarda una presunta storia di stregoneria, che sembra riguardare da vicino la sua famiglia. Sta al giocatore scegliere se liquidare queste voci come sciocchezze, facendo appello alla propria mentalità scientifica, oppure se prestar loro attenzione. In ogni caso, gli abitanti del villaggio prendono molto sul serio queste storie e quindi non sarà possibile ignorarle. Il confronto con l’eredità della propria famiglia, i Deatour, e la rivalità con i Malterre è inevitabile ma il suo sviluppo è interamente nelle mani del giocatore.

Il destino di Daphne può svilupparsi in quattro diverse direzioni, una per ciascuno dei punti cardinali della sua bussola caratteriale, e la storia ha sei possibili conclusioni, alle quali si aggiungono ulteriori variazioni di trama come la possibile morte di alcuni personaggi secondari o le relazioni romantiche instaurate. Una variabilità che, unita a una durata che si aggira sulle tre ore circa, incoraggia il giocatore a ricominciare da capo, per sperimentare scelte alternative e osservarne le conseguenze.

Continua a leggere su Oggiscienza

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.