Perché i giochi di ruolo sono stati (e sono ancora) un’avanguardia culturale

Da Wired, 13 aprile 2017

Chiunque abbia mai giocato a un gioco di ruolo è stato in una stanza profonda. Quel luogo nel quale prendono forma mondi fantastici, che esistono nell’immaginario condiviso dai partecipanti, seduti attorno a un tavolo, fra manuali e schede, dadi e matite. Quel luogo dal quale si entra nel dungeon, termine che non può essere tradotto perché “solo quella parola va a formare ciò che ci si attende da quel buco in terra immaginaria: un diagramma di flusso fatto di stanze e porte e trappole, passaggi segreti e mostri e scale, pozzi e sepolcri, predelle e statue (a volte anche inanimate), tane, fiumi sotterranei, tesori: insomma, l’avventura”.

Continua a leggere

Su Rama, la verosimiglianza viene prima dello spettacolo

Da Oggiscienza, 8 marzo 2017

Dopo che Gravity, Interstellar e The Martian hanno lanciato l’uomo nello spazio per metterlo a confronto con l’universo e con sé stesso, gli alieni sembrano pronti per ritornare al centro dell’interesse della fantascienza cinematografica. Basta vedere il successo di Arrival, benché non abbia ottenuto neanche un Oscar fra quelli cui era candidato, e l’imminente uscita di due attesi blockbuster come Life e Alien – Covenant per rendersene conto.

Continua a leggere

Arrival: il contatto con gli alieni, fra scienza (poca) e linguistica

Da Oggiscienza, 25 gennaio 2017

Dodici astronavi, dodici enormi monoliti scuri che atterrano in diversi punti del pianeta. Il panico si diffonde e i governi reagiscono inviando squadre di esperti per tentare di dialogare con gli alieni. Inizia così Arrival, l’atteso film di fantascienza di Denis Villeneuve che ha suscitato grande interesse all’ultimo Festival di Venezia e che ha raccolto otto nomination ai premi Oscar, fra le quali Miglior film, Miglior regia e Miglior sceneggiatura non originale.

Continua a leggere

Il lato cupo della speranza. Rogue One

Da Oggiscienza, 21 dicembre 2016

Come potete capire da questa recensione che risale allo scorso gennaio, chi scrive ha apprezzato Episodio VII – Il risveglio della Forza, nonostante alcuni innegabili difetti. Era quindi inevitabile che l’uscita di Rogue One non sfuggisse ai radar di Stranimondi, anche se la saga di Star Wars non ha poi così tanto a vedere con la scienza.

Continua a leggere