Chi sono

Michele Bellone

Science writer, qualunque cosa voglia dire.

Cosa faccio

Sono un freelance che si occupa di comunicazione della scienza e giornalismo scientifico. La mia collaborazione principale è con l’agenzia di giornalismo scientifico Zadig a Milano: per loro produco contenuti per i progetti europei Asset e Lifepath, e curo l’ufficio stampa del Centro per la Complessità e i Biosistemi dell’Università di Milano. Inoltre, ho scritto e scrivo su alcune riviste: Focus, Micron, Oggiscienza, Oxygen, Pagina99, Pikaia, Scienzainrete, Le Scienze, La Stampa, Il Tascabile, Wired.it. Ho una certa passione per l’evoluzione, il che mi ha portato a scrivere più o meno stabilmente su Pikaia. Ho anche un blog, ma se state leggendo queste righe suppongo lo sappiate già, e ho scritto un romanzo che ha recentemente vinto un concorso di narrativa. Oltre a scrivere, mi piace parlare in pubblico, soprattutto a proposito di evoluzione, antidarwinismo, comunicazione della scienza e dei tanti intrecci fra scienza e narrativa. Su questi ultimi temi, che già mi diverto a esplorare nella rubrica Stranimondi di Oggiscienza, tengo un corso al Master in comunicazione della scienza della Sissa di Trieste.

Cosa mi piace

Siccome, inevitabilmente, mi piace leggere, ho una libreria su Anobii, dalla quale risulta chiaro quali siano i miei generi preferiti. Al cinema ho gusti simili mentre se si parla di serie TV, penso che il mio accendino sia più che eloquente. Adoro il basket e quando riesco, fiato permettendo, vado a fare due tiri al campetto.

Quando avevo undici anni sono caduto nel tunnel dei giochi di ruolo e non ne sono mai uscito. Non che ci abbia mai provato, sia chiaro. Anzi, non contento di questa malattia mi sono fatto prendere anche da quella per i giochi da tavolo.

Da dove vengo

Mi sono laureato nel 2005 in biologia all’Università di Pavia e mi sono subito imbarcato nell’avventura della ricerca, partendo proprio da Pavia, dove ho preso un dottorato in Bioingegneria e Bioinformatica. Ho lavorato nel Laboratorio di Biologia dello Sviluppo di Carlo Alberto Redi per quattro anni, nel corso dei quali è scoccato il colpo di fulmine per l’evo-devo e, in generale, per tutto ciò che ha a che fare con l’evoluzione.

A fine 2009 mi sono spostato all’Università del Piemonte Orientale, dove ho lavorato per un anno nell’ambito dell’ecotossicologia, nel gruppo di Aldo Viarengo.

Poi, nel 2011, sono finalmente riuscito ad andare all’estero a fare ricerca sull’evoluzione. Ho passato 21 mesi nel laboratorio di Christian Braendle all’Institute of Biology Valrose di Nizza, a studiare le interazioni fra ambiente e sviluppo nei nematodi.

Proprio a Nizza è infine arrivata la rivelazione, l’epifania, l’illuminazione: raccontare la ricerca mi diverte molto più che farla. Una volta maturata questa convinzione, nel 2012 ho chiuso con i laboratori, sono tornato in Italia e mi sono iscritto al Master in Comunicazione della Scienza della Sissa di Trieste, che ho concluso nel 2014 con una tesi sulle dinamiche di comunicazione online degli oppositori ai vaccini.

4 Pensieri su &Idquo;Chi sono

  1. Chiedo anticipatamente scusa se la domanda Le sembra inopportuna. È’ un familiare di uno dei miei divulgatori preferiti, il compianto Enrico Bellone? Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *