Microbiologia in chiave epica

Share Button

Da Oggiscienza, 16 gennaio 2019

Un tempo, gli Speziali Guaritori erano pressoché invincibili ma le cose sono cambiate: i Signori della Pestilenza sono diventati sempre più potenti e i Guaritori non hanno più l’età e la forza per contrastare le continue e spietate invasioni dei nemici dell’umanità, che sono sempre più vicini a imporre il loro ammorbato dominio. L’ultima speranza di opporsi ai Signori della Pestilenza risiede in un giovane e brillante tattico che ha sviluppato nuovi modi per dirigere i Guaritori in battaglia.

Questa è la premessa narrativa di Healing Blade: Defenders of Soma, un gioco di carte incentrato sullo scontro fra due fazioni il cui scopo è azzerare i Punti Vita dell’avversario tramite creature e poteri arcani. Insomma, una classica (e scontata) trama fantasy per un altrettanto classico duello ludico a colpi di carte sulla scia di Magic: l’Adunanza e i suoi tanti derivati.

Ma se ne parliamo qui su Stranimondi c’è un motivo: i Signori della Pestilenza, infatti, non sono altro che una serie di batteri patogeni, mentre i Guaritori prendono i nomi da svariati antibiotici. Da un lato quindi abbiamo, per esempio, Bartonella henselae, il batterio responsabile della malattia da graffio di gatto, che ha l’aspetto di un mostruoso leone; Staphylococcus aureus, simile a un drago dorato e in grado di provocare infezioni della pelle o delle vie respiratorie; Salmonella typhi, che nell’uomo provoca la febbre tifoide e nel gioco ha l’aspetto di un demone dalle fattezze femminili e la pelle pallida. Sull’altro fronte troviamo antibiotici come l’ampicillina, sottoforma di una guerriera bionda armata di spada, l’azitromicina, che si presenta come un combattente con i capelli bianchi e uno spadone a due mani, e l’accoppiata di tircacillina(appartenente alla famiglia delle penicilline) e l’acido clavulanico (spesso usato in combinazione con una penicillina), rappresentata da due guerrieri ben corazzati.

Oltre ai Combattenti delle due fazioni, i giocatori possono anche usare Oggetti che restano in gioco e la cui abilità può essere attivata una volta per turno (come il Plasmide di resistenza, grazie al quale un patogeno può diventare invulnerabile a un determinato antibiotico per il resto della partita) e Incantesimi che invece vengono scartati una volta sortito il loro effetto (come la Broad Spectrum Therapy, che consente di distruggere un Oggetto).

Le regole della prima versione erano molto semplici, ma nella seconda edizione, realizzata grazie a una campagna Kickstarter da 47 mila dollari, sono state introdotte diverse novità che sembrano aver dato più profondità tattica al gioco, per esempio differenziando i patogeni in quattro categorie – Provocatori, Opportunisti, Mutanti e Boss Finali – e dotandoli di abilità speciali. Il lavoro fatto da Nerdcore Medical – una piccola start-up di appassionati di medicina, istruzione, grafica, fantasy e giochi – è ben fatto, molto curato e fortemente ispirato a un’estetica high-fantasy di stampo manga, con tanto di armi e armature stravaganti, pettinature eccentriche, e donne formose e seducenti. Questa scelta grafica ha consentito loro, sempre tramite crowdfunding, di realizzare anche il Bacterionomicon, un compendio ispirato ai bestiari tipici di molti giochi di ruolo che raccoglie mostri ed eroi di Healing Blade, dove le caratteristiche di questi personaggi riflettono e simboleggiano quelle reali di batteri e antibiotici.

Continua a leggere su Oggiscienza

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.