Alla scoperta dei dinosauri, fra gioco e scienza

Da Wired, 9 maggio 2016

Cover DINUOVO

Uova che si schiudono e dinosauri che si sfidano, in una lotta per la sopravvivenza messa a rischio anche da imprevedibili eventi naturali, come la caduta di un asteroide, una carestia o l’innalzamento del livello dei mari. Questo è il cuore dell’idea alla base di DINUOVO, un gioco da tavolo ambientato nell’Era Mesozoica, che verrà presentato la prossima settimana al Salone del Libro di Torino. Un gioco tutto italiano, a partire dagli sviluppatori di CreativaMente per arrivare al consulente scientifico coinvolto, il paleontologo italiano Cristiano Dal Sasso, noto per aver conquistato la copertina di Nature con la descrizione del primo dinosauro italiano (Scipionyx samniticus, ribattezzato Ciro) e contribuito alla scoperta dello Spinosaurus aegyptiacus, il più grande dinosauro predatore mai esistito.

Continua a leggere

Il futuro? Guerre caloriche, stregatti e ragazze meccaniche

Da Oggiscienza, 4 maggio 2016

windup

Le risorse fossili sono pressoché esaurite e la globalizzazione si è sgretolata. I dirigibili hanno preso il posto degli aerei e l’energia elettrica è stata sostituita da quella cinetica, accumulata tramite particolari kino-molle che sono alla base di molti strumenti, dalle macchine industriali alle pistole. Benvenuti nel 23° secolo di Paolo Bacigalupi.

Scrittore statunitense di lontane origini italiane, Bacigalupi ha conquistato gli onori delle cronache nel 2009, facendo incetta di premi letterari – Hugo, Nebula, John Wood Campbell Memorial – con il suo romanzo di esordio, La ragazza meccanica, citato dal Time fra i dieci migliori libri dell’anno. Un successo che ha portato molti critici ad accostare il suo nome a quello di William Gibson, uno dei fondatori del genere cyberpunk insieme a Bruce Sterling.

Continua a leggere

Gli hobbit hanno davvero convissuto con noi?

Da Pikaia, 4 maggio 2016

hobbit-skull

Soprannominati hobbit per la loro statura, che superava di poco il metro, gli uomini di Flores (Homo floresiensis) sono ominini appartenenti al nostro stesso genere, i cui resti sono stati scoperti su un’isola indonesiana nel 2003. Una scoperta che suscitò grande interesse, poiché le prime datazioni avevano incluso i resti di questi hobbit in un arco temporale che iniziava circa 95 mila anni fa protraendosi fino a 12 mila anni fa. Il che, contando che Homo sapiens ha raggiunto l’Australia circa 50 mila anni fa, significa che questa specie doveva aver convissuto con la nostra per svariate migliaia di anni, sopravvivendo a lungo al nostro arrivo.

Continua a leggere

Chi morirà in Game of Thrones?

Da Wired, 22 aprile 2016

09 - Chi morirà in Game of Thrones - Header

Mancano pochi giorni alla premiere della sesta stagione di Game of Thrones. Una stagione particolare, poiché per la prima volta anche i lettori dei romanzi di George R. R. Martin saranno all’oscuro di ciò che accadrà, dal momento che il sesto libro della serie, Winds of Winter, non è ancora uscito. Già negli ultimi episodi trasmessi i lettori dei romanzi si erano trovati di fronte ad alcune sorprese, dovute alle deviazioni intraprese da David Benoit e Daniel Brett Weiss rispetto alla trama dell’ultimo libro uscito, Dance of Dragons, riguardanti il destino di personaggi come Stannis Baratheon, Jorah Mormont, Sansa Stark o Ramsay Bolton.

Continua a leggere